Lo spazio del Bugaku

Domenica 10 febbraio 2019 – ore 15:00
Cascina Turro
Piazza Governo Provvisorio 9
Milano
ASD TaijiTrotter presenta la conferenza
Taiji Quan e musica

Parteciperanno Rossella Fois con “Le vie orientali della spoliazione e il Flauto Magico di Mozart”
Filippo Monico con “Suoni e silenzi”
Carmen Covito con “Le 5 direzioni dello spazio”

L’intervento di Carmen Covito riguarda specificamente il Giappone. Nelle danze giapponesi Bugaku, che si eseguivano alla corte imperiale più di millecinquecento anni fa e sono tuttora eseguite in occasioni rituali, sopravvivono in maniera visibile le antiche concezioni del tempo e dello spazio che, nate in Cina, si diffusero ispirando poi anche i movimenti delle arti marziali. Alcuni video realizzati in Giappone dalla relatrice ci mostreranno queste danze.

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Shintoismo alla Galleria Nobili

Paraventi Giapponesi – Galleria Nobili
è lieta di invitarvi alla presentazione di

SHINTOISMO
Editrice Bibliografica, 2018

l’autrice Rossella Marangoni dialoga con Carmen Covito

Domenica 27 Gennaio 2019 ore 16.00

L’insieme composito di riti, culti e concezioni del sacro di varia provenienza che si svilupparono nel Giappone arcaico e che vennero successivamente compresi nella definizione convenzionale, seppur problematica, di shintō (lett.“la via dei kami”), è stato considerato a lungo come la religione autoctona giapponese, ancestrale e immutabile, caratterizzata da una supposta “unicità”. Pur essendo ancora a volte presentato in tal modo, lo shintō è da circa un quarantennio sottoposto a una revisione interpretativa volta a metterne in luce la natura di fenomeno religioso eterogeneo e complesso, caratterizzato da una dialettica fra continuità e cambiamento, tra riti della regalità e pratiche di devozione popolare continuamente creati e rinnovati nel corso dei secoli. Questa breve introduzione vuole essere un invito a non limitarsi alle interpretazioni tradizionali e precostituite dello shintō bensì a prendere in esame una visione problematica di questa tradizione che ha interessato tutti gli aspetti della sfera emotiva dei Giapponesi, condizionandone le idee sulla natura, sull’esistenza e sulla morte, sulla società, sulla politica, sull’estetica: una tradizione ben viva nella quotidianità del Giappone contemporaneo.

Partecipazione libera, gradita prenotazione via mail a info@paraventigiapponesi.it

Rossella Marangoni, nipponista milanese, laureata in Lingua e Letteratura Giapponese presso l’Università di Torino, è membro dell’Associazione Italiana di Studi Giapponesi e vicepresidente di AsiaTeatro. Tiene conferenze, corsi e seminari in particolare su tematiche collegate all’esperienza del sacro in Giappone e alla cultura teatrale ed estetica di periodo Edo (1603-1858). È autrice di Zen, dizionario iconografico, opera tradotta in più lingue, e di numerosi saggi sulla cultura giapponese. Per Editrice Bibliografica ha pubblicato inoltre Buddhismo. Un’introduzione allo Zen è in corso di preparazione per la stessa casa editrice.

Carmen Covito, scrittrice, è presidente dell’associazione culturale AsiaTeatro e dirige l’omonima rivista di studi online (www.asiateatro.it). Autrice di romanzi quasi sempre all’insegna della contaminazione di linguaggi, di genti e di registri stilistici diversi, si occupa da molti anni di diffondere la conoscenza della cultura giapponese. Membro dell’Aistugia (Associazione Italiana per gli Studi Giapponesi) dal 1985, è anche socia fondatrice e vicepresidente dell’associazione culturale shodo.it che promuove la pratica della calligrafia sino-giapponese.

 

PARAVENTI GIAPPONESI – GALLERIA NOBILI
Via Marsala 4 20121 Milano Telefono +39026551681
Lunedì 15.30-19.00; da Martedì/Sabato 11.00-19.00
Telefono +39026551681
info@paraventigiapponesi.it

www.paraventigiapponesi.it

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

La carta in Cina e in Giappone

Al Salone della Cultura

Superstudio Più
Via Tortona, 27, 20144 Milano

Domenica 20 gennaio ore 16 – Sala conferenze


La carta e i libri senza carta

Tavola rotonda con la presentazione dei volumi della Collana Biblioteca ICOO, Edizioni ICOO-Luni Editrice

I libri in Cina prima dell’invenzione della carta

Manuale pratico della fabbricazione della carta

Intervengono:

Isabella Doniselli Eramo, sinologa, vice-presidente ICOO
Carmen Covito, scrittrice, nipponista, vice presidente dell’Associazione shodo.it
Marco Brunello, maestro cartaio di Cartiera Clandestina

 

 

L’Istituto ICOO anche quest’anno parteciperà al Salone della Cultura (19-20 gennaio 2019 – www.salonedellacultura.it ) con un proprio stand, per presentare le attività svolte e i progetti per il futuro. Lo stand sarà anche un punto di incontro e di scambio di idee tra e con gli associati e con tutti coloro che sono interessati all’approfondimento della conoscenza delle culture dell’Asia e della lunga vicenda di reciproche influenze tra Oriente e Occidente.

Per la presentazione di alcuni volumi della Collana di Studi sull’Oriente “Biblioteca ICOO”, pubblicata in collaborazione con Luni Editrice, sono previsti tre incontri con la partecipazione di eminenti personalità dell’orientalistica, autori e curatori dei libri della collana. Tra questi, la scrittrice Carmen Covito, profonda conoscitrice della cultura giapponese; Jolanda Guardi, arabista e professore associato di lingua e cultura araba; Michele Brunelli, docente universitario e attento studioso della storia e della cultura dell’antica Persia; Anna Maria Martelli, insegnate e studiosa delle tradizioni culturali arabe. 

Gli altri incontri ICOO:

Sabato 19 gennaio, ore 18.00 nel salottino “Corner”
Presentazione di La medicina araba di Jolanda Guardi – Collana Biblioteca ICOO, Edizioni ICOO-Luni Editrice
Intervengono:
Jolanda Guardi, arabista, autrice del volume
Giacomo Longhi, traduttore dall’arabo e dal persiano
Isabella Doniselli Eramo, coordinatrice della collana Biblioteca ICOO

Domenica 20 gennaio, ore 12.00 nel salottino “Corner”
Presentazione di Arte islamica in Italia, a cura di Anna Maria Martelli e Isabella Doniselli Eramo – Collana Biblioteca ICOO, Edizioni ICOO-Luni Editrice
Intervengono:
Anna Maria Martelli, arabista, curatrice del volume
Michele Brunelli, professore di Storia delle Istituzioni e delle Civiltà islamiche
Isabella Doniselli Eramo, vice presidente ICOO

Ogni evento sarà seguito da un momento di incontro con gli autori e i relatori e da “firma copia” presso lo stand di ICOO

www.icooitalia.it

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Tradurre Murakami

Dreaming Murakami: traduttrici a confronto
Antonietta Pastore
dialoga con Maria Francesca Sereni
Mercoledì 12 dicembre ore 17.00,
Laboratorio Formentini (Milano)

Questo incontro prenatalizio offre agli appassionati di Murakami Haruki e della cultura giapponese una duplice possibilità: vedere in anteprima milanese il bel documentario di Nitesh Anjaan su Mette Holm, che da oltre vent’anni traduce in danese le opere dell’autore e traduttore nipponico, e dialogare con Antonietta Pastore, una delle sue voci italiane. Un’occasione unica per esplorare il mondo surreale e affascinante di un grande della letteratura mondiale attraverso la testimonianza di chi affronta quotidianamente il delicato compito di rendere accessibili i suoi romanzi a tutti i lettori. Il documentario sarà proiettato in originale con sottotitoli in italiano.
http://www.dreamingmurakami.com/


Antonietta Pastore è nata a Torino nel 1946. Dopo la laurea in Pedagogia all’Università di Ginevra, dove è stata allieva di Jean Piaget, ha conseguito un master alla Sorbona di Parigi. Dal 1977 al 1993 ha vissuto in Giappone, dove è stata visiting professor all’Università di Lingue straniere di Osaka. Nel 1993 è tornata a vivere in Italia e da allora si dedica alla traduzione letteraria e alla scrittura. Ha tradotto opere narrative di numerosi autori giapponesi tra i quali Natsume Soseki, Abe Kobo, Inoue Yasushi, Nakagami Kenji, Ikezawa Natsuki, Kirino Natsuo, Kawakami Hiromi, e gran parte dell’opera di Murakami Haruki. Ha inoltre pubblicato con Einaudi il saggio Nel Giappone delle donne (2004), la raccolta di racconti Leggero il passo sui tatami (2010), e il romanzo Mia amata Yuriko (2016). Nel 2017 ha ricevuto il 21° Premio internazionale Noma per la traduzione della letteratura giapponese.

L’incontro è aperto a tutti, registrandosi al modulo https://goo.gl/dK6EJm, e si chiuderà con un brindisi natalizio.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail