Poesie che hanno una storia

Man’yōshū. Raccolta delle diecimila foglie
Libro XVI: Poesie che hanno una storia e poesie varie
a cura di: Maria Chiara Migliore
Testo giapponese a fronte.
Carocci Editore 2019
Collana: Biblioteca Medievale Testi
ISBN: 9788843095032
Pagine: 136

Acquista

 

La più antica antologia della poesia giapponese, il capolavoro dell’epoca Nara, è anche la più libera. Le antologie imperiali successive limitarono i temi, i registri poetici, i valori estetici e la condizione sociale degli autori, mentre nel Man’yōshū troviamo le canzoni delle guardie di frontiera accanto alle più raffinate liriche degli aristocratici di corte, composizioni lunghe di modello cinese accanto alla forma del waka che sarebbe diventata quella tradizionale.

Questa varietà è particolarmente visibile nel libro XVI del Man’yōshū, tradotto per la prima volta in italiano in questo piccolo, prezioso volume da Maria Chiara Migliore, autrice anche del ricco saggio introduttivo.

Le prime trenta poesie del libro sono caratterizzate come “poesie che hanno una storia” perché sono precedute da un brano in prosa che ne racconta le circostanze della composizione, e spesso si tratta di una vicenda leggendaria o romanzesca. Nelle “poesie varie” sono comprese invece diverse tipologie, alcune delle quali veramente straordinarie: come le canzoni dei mendicanti, che facevano probabilmente parte del repertorio di artisti girovaghi, e le poesie dei pescatori del Sud che piangono la morte in mare di uno di loro.  In tutto il libro le poesie d’amore coesistono con altre che parlano di “cose che fanno paura”, componimenti di carattere religioso si alternano a poesie umoristiche che spaziano dal nonsense all’ironia, dalla garbata presa in giro all’uso compiaciuto della volgarità. In tutte si respira un senso di spontaneità che costituisce una vera e propria eccezione nell’ambito del canone poetico classico e trova immediata corrispondenza con la sensibilità del lettore moderno.

Maria Chiara Migliore insegna Lingua e Letteratura giapponese presso l’Università del Salento. Si occupa di letteratura classica e di filologia giapponese, nonché della produzione letteraria giapponese in lingua cinese dei periodi antico e classico. Ha pubblicato tra l’altro “Nihon ryoiki. Cronache soprannaturali e straordinarie del Giappone” (Carocci 2010), “Inferni temporanei. Visioni dell’aldilà dall’estremo Oriente all’estremo Occidente” (Carocci 2012).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail