Consigli di lettura: Mishima e la storia

Due testi di grande bellezza che erano ancora inediti in Italia:

Mishima Yukio
Medioevo
&
Il palazzo del bramito dei cervi
Atmosphere Libri, 2019
traduzione dal giapponese e postfazione “Mishima, la storia e vicende segrete” di Virginia Sica

ISBN: 9788865642917

Medioevo (Chūsei, 1945-46), racconto storico giovanile, narra dell’invaghimento mistico dello shōgun Yoshimasa (XV sec.) per una tartaruga gigante, che egli crede essere la reincarnazione del defunto figlio Yoshihisa; un’opera breve ma complessa, scandita da un linguaggio aulico e coltissimo, dalla sintassi ricercata che, già di per sé, è esempio concreto del modello estetico di Mishima.

Il palazzo del bramito dei cervi. È il 3 novembre 1886: il Conte Kageyama ospiterà un ballo al famoso Rokumeikan, la sede stessa della cultura e dell’architettura europea, in onore del compleanno dell’Imperatore, e qui, a questo simbolo della contorta relazione del Giappone con l’Occidente, le molte tensioni dell’opera si scontrano. La moglie di Kageyama, Asako, un’ex geisha, deve affrontare i fantasmi del suo passato quando un ex amore, Kiyohara, leader della coalizione antigovernativa, arriva per il ballo, inconsapevole che un attentato sulla sua vita è stato pianificato dallo stesso Conte Kageyama. Aggiunto all’intrigo politico, l’elemento umano dell’amore perduto e ritrovato di recente – l’amore duraturo di Asako per Kiyohara e il nuovo amore di Akiko per Hisao, Kiyohara e l’amante di Asako – si intrecciano con un tragico epilogo, prevedibile ma comunque avvincente.

compralo su Amazon…

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail